Samsung, 40 Galaxy S5 per il mining dei bitcoin

La chiave per un bitcoin mining più economico potrebbero essere i vecchi smartphone. L'ha dimostrato Samsung alla sua recente conferenza annuale per sviluppatori, come parte dell'iniziativa Upcycling, inaugurata da poco e dedicata al reimpiego di gadget e dispositivi dismessi.

Il "rack" di Samsung consiste di 40 Galaxy S5. Sono smartphone ancora piuttosto recenti che, nonostante possano avere problemi hardware più o meno gravi - batteria scarsa o malfunzionamenti del touch screen - lato processore sono ancora potenti come il giorno dell'acquisto. Samsung ha sviluppato un sistema operativo apposito dedicato solo ed esclusivamente al mining di criptovalute, che sarà presto reso disponibile a tutti.

La società non è entrata molto nel dettaglio in termini di potenza ed efficienza energetica. Il pannello descrittivo indica che 8 Galaxy S5 sono una scelta migliore di un processore Intel Core i7 2600 (Sandy Bridge), che però non è certo la soluzione ottimale per processare blockchain. Sarebbe interessante avere comparative più approfondite. Ma calcolando i costi irrisori a cui si possono trovare questi terminali, magari anche guasti, la questione merita quantomeno un po' di attenzione.


Cerchi lo schermo con la maggiore risoluzione e supporto 4K?? Sony Xperia XZ Premium, in offerta oggi da Punto com shop a 519 euro oppure da Amazon a 579 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE