Samsung inizia la produzione di memorie HBM2 da 8GB

Attraverso un comunicato ufficiale, Samsung annuncia di aver iniziato la produzione in volumi di memorie HBM2 (High Bandwith Memory di seconda generazione) con capacità di 8GB. Il colosso sudcoreano dichiara che questi prodotti andranno a coprire l'elevata richiesta che giunge dal mercato, non solo per le schede grafiche di nuova generazione, ma anche per altri settori come AI, HPC, grafica avanzata, server enterprise ecc.

I nuovi chip Samsung sono pensati per garantire prestazioni ed efficienza energetica, con un occhio di riguardo anche per la dissipazione del calore.

Ogni stack Samsung HBM2 da 8GB è costituito da 8 die da 8Gb, con un die-buffer posizionato alla base dello stack e i vari die interconnessi da 40000 TSV (through-silicon via), ossia 5000 TSV per die. L'utilizzo di così tanti through-silicon via, garantisce secondo Samsung migliori prestazioni e di conseguenza un'efficienza globale superiore.


L'iPhone più grande di sempre? Apple iPhone 6s Plus, in offerta oggi da puntocomshop a 538 euro oppure da Euronics a 749 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Recensione Samsung Galaxy Book 12: penna, AMOLED e Kaby Lake

Qualche anno fa un Galaxy Book sarebbe stato chiamato "tablet pc". Samsung lo avrebbe proposto ai professionisti della grafica e agli insegnanti, puntando tutto sulla sensibilità nella scrittura a mano libera del digitalizzatore Wacom. Per allora, uno schermo SuperAMOLED così affidabile e un profilo tanto sottile avrebbero iniziato una rivoluzione, mentre la tastiera integrata nella custodia avrebbe reso più raffinato un approccio comunque già noto. Samsung Galaxy Book da 12 pollici avrebbe fatto il botto, nel 2010.

Adesso non è una novità. I 2-in-1 con supporto penna e potenza crescente sono nel catalogo di ogni produttore, e non esistono più i tablet venduti senza tastiera, senza convertibilità. Non che sia un male, anzi; la linea Surface ha indirizzato il mercato nella maniera giusta ed ha portato tante macchine buone. Costose, certo, ma molto valide. In alcuni casi, delle vere primizie tecniche. Macchine che possono sostituire un computer portatile col vantaggio del peso minore. Samsung Galaxy Book 12 fa parte di questo gruppo, ma ha un paio di vincoli tecnici e pratici che bisogna analizzare prima di valutarlo. Iniziamo con la sua scheda tecnica.

Scheda tecnica Samsung Galaxy Book 12

  • Schermo: 12 pollici Super AMOLED, FHD+ 2160 x 1440 px / 216 DPI 3:2 / Modello SDCA029
  • Digitalizzatore Wacom 4096 livelli di pressione, Touchscreen 10 punti
  • CPU: Intel Core i5-7200U / Grafica: Intel HD Graphics 620
  • Memorie: RAM 8 GB (4+4) LPDDR3 / SSD: 256 GB M.2 LITEON SATA3
  • Porte: 2x USB-C 3.1, microSD, jack combo 3.5 mm
  • Connettività: Wi-Fi ac 2x2 MIMO Qualcomm, GPS, GLONASS, Bluetooth 4.1 BLE
  • Camere: 13 MP f/1.9 posteriore con auto-focus, 5 MP f/2.2 frontale
  • Batteria: 39 Whr 5070 mAh / Alimentatore USB-C 25 watt 12/9/5 V 2A

Nei primi due punti dell'elenco si trovano i motivi per cui andrebbe preferito a tutti gli altri rivali. Il display SuperAMOLED e il digitalizzatore Wacom EMR con penna passiva S-Pen. Galaxy Book 12 usa un pannello SDCA029, stessa serie del meraviglioso OLED di Alienware 13 R3, ma qui più compatto, con rapporto di 3:2 anziché 16:9 e 216 DPI. Soprattutto, è più luminoso (425 nit contro 358 di massima) e con una laminazione migliore, quindi meno sensibile ai riflessi esterni: sto scrivendo vicino ad una grande finestra con luminosità al 70% e non ho problemi a concentrarmi sul foglio bianco.


Il più piccolo top gamma 2016 che accontenta tutti? Samsung Galaxy S7, in offerta oggi da Infotel Italia a 395 euro oppure da Amazon a 472 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Samsung, previsioni ufficiali record per il Q2 2017. Grazie anche a S8

Samsung ha rilasciato nelle scorse ore un comunicato con le previsioni ufficiali sui risultati trimestrali dell'appena trascorso Q2 2017, e non solo sono ancora una volta da record, ma battono con un discreto margine le aspettative degli analisti di terze parti. La maggior parte degli esperti prevedeva profitti tra i 12 e i 13.000 miliardi di won coreani, Samsung porta questa cifra a 14 (corrispondenti a circa 10,6 miliardi di euro). Il fatturato globale dovrebbe aggirarsi sui 60.000 miliardi di won.

Ci vorranno ancora alcune settimane per i risultati dettagliati, ma è già facile azzardare ora qualche previsione sulle principali cause del successo - i "soliti sospetti", tra l'altro: divisione memorie e chip, divisione display OLED e naturalmente le ottime performance di vendita di Samsung Galaxy S8 e S8 Plus, ormai ben documentate e assodate. In ogni caso, ne sapremo di più tra qualche tempo.


Una scelta vincente sotto i 200€? Wiko Fever, compralo al miglior prezzo da Amazon a 159 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE